Lo svezzamento è il processo di transizione di un vitello dall’alimentazione con il latte materno a quella con alimenti solidi e foraggi. È un processo importante per garantire che il vitello riceva l’alimentazione adeguata per crescere e svilupparsi correttamente.

Lo svezzamento inizia di solito intorno ai 2-3 mesi di età del vitello, quando viene introdotta gradualmente l’alimentazione con cibo solido. È importante introdurre nuovi alimenti in modo graduale, e permettere che il vitello possa abituarsi al cibo solido e al suo nuovo regime alimentare.

Per essere precisi oggi giorno l’idea di svezzamento come comunemente viene intesa e qui sopra descritta, dovrebbe essere aggiornata. Oggi per essere funzionali e piu sostenibili nella fase di svezzamento, si dovrebbe intendere lo svezzamento come capacità dell’animale di trarre parte del sostentamento dalla quota fibrosa. Consapevolmente, sappiamo tutti che la fibra può apportare dal 20 al 30 % dell’energia richiesta, ciò significa che i nostri animali non possono essere sostenuti solo con foraggi, sia per la bassa energia e proteina che contengono sia per la poca capacità fermentativa che il vitello possiede fino ai 3 mesi, non ultimo la maturazione dei foraggi prodotti nei nostri allevamenti, dovuta dalla necessità di produrre quantità (aumento della lignina e quote indigeribili) a scapito della qualità intese come proporzione di cellulosa e emicellulosa.

In particolare, i primi tre mesi sono fondamentali per preparare i prestomaci alle fermentazioni, e iniziare nel rumine una buona colonizzazione della flora e fauna ruminale.

In pratica, lo svezzamento del vitello è il processo di transizione dall’alimentazione esclusivamente con il latte materno e farine a quella con alimenti concentrati e foraggio, in modo da garantire un adeguato apporto nutrizionale e un corretto sviluppo fisico. Solitamente, questo processo inizia intorno ai 2-3 mesi di età del vitello, quando viene introdotto gradualmente il foraggio, accompagnato da una progressiva riduzione della quantità di latte somministrato. Questo concetto porta a ridurre lo stress da svezzamento e ottenere da 1 a 1,3 kg di crescita giornagliera.

I vitelli possono essere svezzati con una varietà di alimenti, come il fieno, insilati e farine specifiche per vitelli. È importante fornire loro una dieta equilibrata che fornisca tutti i nutrienti di cui hanno bisogno per crescere e svilupparsi in modo ottimale.

Durante il processo di svezzamento, è importante monitorare attentamente il vitello per assicurarsi che stia ricevendo l’alimentazione adeguata e che non ci siano problemi di salute. Se noti che il vitello sta avendo difficoltà a mangiare o presenta altri sintomi di malattia, dovresti consultare il veterinario il prima possibile.

Colostro

Il colostro vaccino è una sostanza prodotta dalle vacche durante i primi giorni successivi al parto. È ricco di proteine, zuccheri, grassi e anticorpi, ed è importante per la salute e lo sviluppo dei vitelli.

Il colostro vaccino viene solitamente somministrato ai vitelli appena nati, in modo da fornire loro gli anticorpi di cui hanno bisogno per proteggersi dalle infezioni e dalle malattie. Questi anticorpi vengono trasmessi dalla mucca durante la gravidanza e vengono trasmessi al vitello attraverso il colostro.

Il colostro vaccino viene solitamente raccolto dalle vacche poco dopo il parto e può essere somministrato ai vitelli sia fresco che congelato. In alcuni casi, può essere anche liofilizzato e conservato sotto forma di polvere, che può essere facilmente reidratata prima dell’uso.

Cordone ombelicale

Disinfettare il cordone ombelicale del vitello è una pratica importante per prevenire le infezioni e garantire la salute del vitello. Ecco alcuni passaggi che puoi seguire per disinfettare il cordone ombelicale del vitello:

  1. Prepara i materiali necessari: avrai bisogno di una soluzione disinfettante, come il cloro o il perossido di idrogeno, e di un batuffolo di cotone o una garza sterile.

  2. Lavati le mani: assicurati di lavare accuratamente le mani con acqua e sapone prima di iniziare la procedura.

  3. Pulisci la zona intorno al cordone ombelicale: rimuovi qualsiasi materiale estraneo o sporcizia dalla zona intorno al cordone ombelicale utilizzando un batuffolo di cotone o una garza sterile.

  4. Immergi un batuffolo di cotone o una garza sterile nella soluzione disinfettante: assicurati di inumidire bene il batuffolo di cotone o la garza sterile.

  5. Disinfetta il cordone ombelicale: utilizza il batuffolo di cotone o la garza sterile inumiditi per pulire accuratamente il cordone ombelicale. Assicurati di coprire tutta la superficie del cordone ombelicale.

  6. Lasciare asciugare il cordone ombelicale: non asciugare il cordone ombelicale con un panno o una garza. Lasciarlo asciugare all’aria.

Risolvi i problemi di coccidiosi clostridiosi escherichia coli forme respiratorie dissenteria nel vitello in fase di svezzamento.

Call Now Button